Una Pasquetta a… 4’30”

Che dire, indeciso fino all’ultimo se andare o meno, la mia squadra in collaborazione con altre società romane aveva organizzato, per la mattina di Pasquetta, un allenamento di gruppo come rifinitura per la Maratona di Roma.

Il programma era semplice: 11 chilometri a giro gamba e poi un ultimo chilometro forte.

All’incontro siamo circa 200 runners, e già l’impatto visivo rendeva immediatamente l’idea che quel giorno si stava realizzando qualcosa di importante. Foto di rito, scambio di maglie tra i presidenti delle società e via con il riscaldamento. Corriamo 20 minuti, passo lento, sguardo dritto e spalle rilassate. Poi qualche minuto di stretching e via a formare i gruppi.

Foto: Gianfranco Bartolini

Foto: Gianfranco Bartolini

Le squadre avevano messo a disposizione i loro pacer da 3’40” fino a 6’30”. Io, neanche a dirlo, vado nel gruppo di Costantino, amico e coach, che portava il passo dei 4’30”. Con lui anche Maddalena, la rossa tosta del gruppo…

I primi chilometri procedono molto bene, il ritmo è buono, gambe e fiato vanno di pari passo. Al settimo, i primi segnali di affaticamento ma Zio Costa è un maestro a tenerci tutti li concentrati dietro di loro.

Procediamo spediti, il gruppo rimane sempre compatto, mentre corriamo ciascuno di noi riesce a scambiare qualche parola e qualche battuta con il compagno di fianco. Passiamo l’ennesimo segnale dei 100 metri in 27 secondi. E’ quasi finita…

Foto: Gianfranco Bartolini

Siamo all’11° chilometro… qualcuno chiede come dobbiamo affrontare il chilometro veloce. “Liberi, meglio se in progressione!!” Io provo a restare incollato a Costantino, che via via aumenta la sua velocità… 4’00”, 3’50”, 3’40”, 3’30″… il gruppo si allunga un po’ ma nessuno molla la presa. Chi prima, chi dopo, siamo ancora tutti lì.

Io riesco a finire il giro a 3’40″… che soddisfazione!!

Un allenamento davvero fantastico!! Come ho già avuto modo di commentare in un altro post (Correre soli o in compagnia?), gli allenamenti di gruppo sono straordinari perché ci portano a superare i nostri limiti, nella maggior parte dei casi più mentali che fisici. Sono davvero contento!!

Ora la Maratona di Roma la sento ancora più alla portata. Con Zio Costa ci siamo sentiti molto in quest’ultimo mese ed ho sempre cercato di mettere tutti i suoi preziosi consigli nella testa prima, nelle gambe e nelle scarpette poi.

Questa Pasquetta Run mi ha ulteriormente caricato e, senza il gruppo, probabilmente non sarei mai riuscito a portare a termine un lavoro così prezioso per affrontare con maggiore serenità la Gara Regina per definizione.

L’iniziativa si è conclusa con un fantastico terzo tempo…un buffet con ogni ben di Dio che ciascuno di noi ha contribuito ad arricchire!!

Il terzo tempo

Foto: Gianfranco Bartolini

Nel video alcune immagini dell’iniziativa.

Buona corsa tutti e mi raccomando… quando potete, cercate sempre di correre in compagnia!!!

Written by Antonello
Quando indosso le mie scarpette mi sento libero, leggero, in una piacevole sensazione di benessere che coinvolge il corpo e la mente.